Parrocchia della Vergine

Apr17

Mi vuoi bene?

Dal Vangelo di Giovanni (Gv 21,15-17)
Quand’ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: “Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro?“.
Gli rispose: “Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene“. Gli disse: “Pasci i miei agnelli“. Gli disse di nuovo, per la seconda volta: “Simone, figlio di Giovanni, mi ami?“. Gli rispose: “Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene“. Gli disse: “Pascola le mie pecore“. Gli disse per la terza volta: “Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene?“. Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli domandasse: “Mi vuoi bene?“, e gli disse: “Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene“. Gli rispose Gesù: “Pasci le mie pecore…”.

Commento (Ermes Ronchi)
In riva al lago, una delle domande più esigenti di tutta la Bibbia: «Pietro, tu mi ami?». È commovente l’umanità del Risorto: implora amore, amore umano. Può andarsene, se è rassicurato di essere amato. Non chiede: Simone, hai capito il mio annuncio? Dice: lascio tutto all’amore, e non a progetti di qualsiasi tipo. Ora devo andare, e vi lascio con una domanda: ho suscitato amore in voi? In realtà, le domande di Gesù sono tre, come tre tappe attraverso le quali si avvicina passo passo a Pietro, alla sua misura, al suo fragile entusiasmo. Prima domanda: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro?». Gesù adopera il verbo dell’agàpe, il verbo dell’amore grande, del massimo possibile. Pietro non risponde con precisione, evita sia il confronto con gli altri sia il verbo di Gesù: adotta il termine umile dell’amicizia, philéo. Non osa affermare che ama, tanto meno più degli altri, un velo d’ombra sulle sue parole: certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene, ti sono amico! Seconda domanda: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami?». Non importano più i confronti con gli altri, ognuno ha la sua misura. Ma c’è amore, amore vero per me? E Pietro risponde affidandosi ancora al nostro verbo sommesso, quello più rassicurante, più umano, più vicino, che conosciamo bene; si aggrappa all’amicizia e dice: Signore, io ti sono amico, lo sai! Terza domanda: Gesù riduce ancora le sue esigenze e si avvicina al cuore di Pietro. Il Creatore si fa a immagine della creatura e prende lui a impiegare i nostri verbi: «Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene, mi sei amico?». L’affetto almeno, se l’amore è troppo; l’amicizia almeno, se l’amore ti mette paura. «Pietro, un po’ di affetto posso averlo da te?». Gesù dimostra il suo amore abbassando ogni volta le sue attese, dimenticando lo sfolgorio dell’agàpe, ponendosi a livello
della sua creatura: l’amore vero mette il tu prima dell’io, si mette ai piedi dell’amato. Pietro sente il pianto salirgli in gola: vede Dio mendicante d’amore, Dio delle briciole, cui basta così poco, con la sincerità del cuore. Quando interroga Pietro, Gesù interroga me. E l’argomento è l’amore. Non è la perfezione che lui cerca in me, ma l’autenticità. Alla sera della vita saremo giudicati sull’amore. E quando questa si aprirà sul giorno senza tramonto, il Signore ancora una volta ci chiederà soltanto: mi vuoi bene? E se anche l’avrò tradito per mille volte, lui per mille volte mi chiederà: mi vuoi bene? E non dovrò fare altro che rispondere, per mille volte: sì, ti voglio bene. E piangeremo insieme di gioia.

Per la riflessione personale
Io merito la fiducia di Gesù?
Sono per me i valori dell’amicizia, dell’amore, della fedeltà i valori più grandi per i quali sono disposto a sacrificare il mio interesse, il mio egoismo, il mio piacere?
Vivo questi valori con Gesù nella preghiera, nell’adorazione, nell’eucaristia, nel pensare spesso a Lui?
E con gli altri, con le mie pecore, con quelli che io amo?